Cocopro disoccupati, le istruzioni per l’indennità “una tantum”

E’ divenuta operativa la nuova indennità "una tantum" a favore dei collaboratori coordinati e continuativi disoccupati introdotta dall’art. 19, comma 2, D.L. n. 185/2008 e messa a regime dalla Riforma del Lavoro Fornero a partire dal 2013. Ora l’Inps, con Circolare n. 38/2013 del 14 marzo, ha fornito i primi chiarimenti operativi, precisando i requisiti per fruire di questa indennità "una tantum": essere iscritti alla Gestione Separata in via esclusiva versando l’aliquota contributiva piena (ora 27,72%); essere stati nell’anno precedente in regime di monocommittenza; avere avuto nell’anno precedente un reddito lordo complessivo, come collaboratore coordinato e continuativo, non superiore a 20.000 euro; aver accreditato 4 mensilità nell’anno precedente ed una mensilità nell’anno di riferimento presso la Gestione Separata; aver avuto un periodo di disoccupazione ininterrotto di almeno due mesi nell’anno precedente.
 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.