Credito d’imposta per gli investimenti in macchinari

Il decreto competitività – d.l. 91/2014 convertito in legge – introduce un bonus per l’acquisto di macchinari, replicando i meccanismi già messi in atto in passato con la legge 383/2001 (Tremonti- bis), e con il d.l. 78/2009 (Tremonti-ter), espressamente richiamati nella relazione tecnica al provvedimento.
 
L’agevolazione riguarda tutti i soggetti residenti nel territorio dello Stato titolari di reddito d’impresa, indipendentemente dalla natura giuridica, dalla dimensione e dal settore produttivo di appartenenza. Agevolazione riconosciuta anche in presenza di adozione di particolari regimi d’imposta o contabili. L’agevolazione si applica anche alle stabili organizzazioni nel territorio dello Stato di soggetti non residenti. I soggetti titolari di attività industriali a rischio di incidenti sul lavoro, individuate ai sensi di legge (decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334) possono usufruire del credito d’imposta solo se è documentato l’adempimento degli obblighi e delle prescrizioni in materia di sicurezza.
 
 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.