Decreto sblocca-Italia, le misure fiscali

Il Decreto sblocca-Italia, ora pubblicato in Gazzetta Ufficiale, introduce in via sperimentale, fino al 31 dicembre 2015, un credito d’imposta ai fini Ires e Irap per le imprese che realizzano investimenti nelle reti telematiche a banda ultra larga. Il bonus spetta nel limite massimo del 50% del costo dell’investimento. Viene poi previsto che non si applicano le imposte di registro e di bollo per la registrazione dell’atto con cui proprietario e inquilino si accordano per la riduzione del canone di un contratto di locazione ancora in essere. Un’altra novità è l’ampliamento della nozione di interventi di manutenzione straordinaria, in cui ora rientrano anche quelli che consistono nel frazionamento o accorpamento di unità immobiliari, anche se variano le superfici delle singole unità immobiliari, purché però non venga modificata la volumetria complessiva degli edifici e sia mantenuta l’originaria destinazione d’uso.
 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.