False partite IVA, non scatta la presunzione se si è iscritti all’Albo

Il Ministero del Lavoro, nella risposta all’interpello n. 16 pubblicato il 26 giugno, fornisce chiarimenti in merito al meccanismo presuntivo delle "false partite IVA" introdotto dalla Legge n. 92/2012. In particolare, al fine di contrastare l’utilizzo “distorto” dello strumento delle c.d. partite IVA, scatta la presunzione secondo la quale è possibile ricondurre le prestazioni di lavoro autonomo nell’ambito del lavoro subordinato in presenza di determinati presupposti che facciano ipotizzare appunto che dietro la partita IVA si celi, in realtà, un rapporto di lavoro dipendente. Il Ministero nell’interpello ribadisce che la presunzione non opera in relazione “alle prestazioni lavorative svolte nell’esercizio di attività professionali per le quali l’ordinamento richiede l’iscrizione ad un ordine professionale, ovvero ad appositi registri, albi, ruoli o elenchi professionali qualificati e detta specifici requisiti e condizioni”.
 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.