Imposta sostitutiva quote Banca d’Italia, pronto il codice tributo

Con la Risoluzione n. 33 del 27 marzo 2014, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo “1850" da utilizzare per il versamento dell’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi, dell’Irap e di eventuali addizionali, in relazione ai maggiori valori delle quote di partecipazione al capitale della Banca d’Italia (art. 1, comma 148, della legge 27 dicembre 2013, n. 147). L’imposta sostitutiva da versare è pari al 12% della differenza tra il nuovo valore nominale e quello fiscalmente riconosciuto. Il versamento va distribuito in tre rate annuali di pari importo, senza pagamento di interessi: la prima entro il termine di versamento del saldo delle imposte sui redditi dovute per il periodo di riferimento al quale la rivalutazione è eseguita; le altre due secondo le scadenze rispettivamente previste per il versamento a saldo delle imposte sui redditi relative ai periodi successivi.
 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.