Imu, a pagarla saranno per metà i redditi più bassi

Saranno i contribuenti con reddito inferiore a 26.000 € a pagare metà dell’Imu, solo il 13% del gettito sarà versato da chi dichiara più di 75.000 Euro all’anno. Il 60% degli incassi dell’Imu deriveranno da dipendenti e pensionati, mentre dai titolari di altri redditi di lavoro non arriverà neppure il 14% del gettito. Questi sono i dati contenuti nel rapporto “Gli immobili in Italia 2012” presentato ieri, 22 novembre 2012, a Roma. I dati risultano dall’incrocio tra le dichiarazioni dei redditi 2010 e la banca dati del catasto e consentono di osservare per la prima volta gli effetti dell’Imu, alla casa con il saldo entro il prossimo 17 dicembre. In ogni caso, il direttore delle Finanze, Fabrizia Lapecorella, ha affermato ieri (22 novembre) che il peso della tassazione immobiliare in Italia dopo l’Imu è sotto l’1% del Pil, in linea con i valori medi di Ocse e al di sotto di Francia, Regno Unito e Usa dove è intorno al 2,5-3%.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.