Iva pagata a seguito di accertamento definitivo, le regole su detrazione e rivalsa

Con la circolare n. 35/E del 17 dicembre 2013, l’Agenzia delle Entrate ha fornito una guida pratica su alcuni aspetti operativi legati alla possibilità, introdotta dal Decreto liberalizzazioni, di avvalersi di detrazione e rivalsa dell’Iva in presenza di un accertamento definitivo. Il contribuente può esercitare la rivalsa nei confronti dei cessionari dei beni o dei committenti dei servizi, ma solo dopo aver pagato imposte, sanzioni e interessi contenuti in un avviso di accertamento definitivo. Il cessionario o committente potrà, a sua volta, esercitare il diritto alla detrazione dopo aver corrisposto al cedente o prestatore l’Iva addebitatagli in via di rivalsa.
 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.