Lettere ai contribuenti: il Fisco consiglia il ravvedimento

Il Fisco ha provveduto ad inviare nei giorni scorsi 75000 lettere di avviso ai contribuenti  che hanno sforato con spese eccessive sul reddito relativo al 2012 dichiarato in Unico 2013. L’ amministrazione finanziaria in questo modo avvisa dunque bonariamente che si è accorta della discrepanza attraverso controlli incrociati sui movimenti bancari e attende dal contribuente la correzione della dichiarazione e  magari anche un adeguamento della prossima sui redditi 2013 ora in fase di presentazione. L’obbiettivo dichiarato dall’Agenzia è quello di " innalzare il livello di adempimento spontaneo" ed ha avuto negli anni scorsi buoni risultati nel miglioramento della "tax compliance" , evitando il contenzioso.
Il contribuente  che ha ricevuto uno di queste lettere informative non è tenuto a rispondere perchè che non si tratta di veri e propri atti di accertamento ma è "preallertato"  e ha varie ozpioni:  può contestare quelli che considera errori del fisco via mail o call center ,  può riservarsi di inviare una dichiarazione integrativa nei termini previsti di settembre 2017 con la sanzione di 258 euro o infine può scegliere il ravvedimento operoso  ripresentando la dichiarazione entro il 30 settembre 2014 pagando solo 1/8 della sanzione , oltre ovviamente alle maggiori mposte per il maggior reddito.
 
 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.