Modello Intrastat servizi con meno dati

L’art. 23 del decreto legislativo sulle semplificazioni fiscali prevede la riduzione del numero di informazioni da indicare negli elenchi riepilogativi Intrastat delle prestazioni di servizi generiche (art. 7-ter, D.P.R. n. 633/1972), demandando ad un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Dogane, da emanarsi entro 90 giorni dall’entrata in vigore della norma, il compito di a specificare il contenuto rivisto e corretto degli elenchi. I dati richiesti dal nuovo modello si limiteranno alle informazioni sulla partita Iva delle controparti, sul valore totale delle transazioni (che rende, quindi, inutile l’indicazione del numero e della data della fattura emessa/ricevuta), sul codice del tipo di prestazione e sul Paese di pagamento (quello in cui il corrispettivo entra nella disponibilità del beneficiario). Non è più necessario indicare le modalità di erogazione del servizio (istantanea o a più riprese), né delle modalità di pagamento e incasso (bonifico, accredito o altro mezzo di pagamento).
 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.