Niente imposta di bollo sul rendiconto della banca tesoriere del Comune

Con la Risoluzione n. 84/E del 16 settembre 2014, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che la rendicontazione inviata dalla banca al Comune in relazione ai rapporti di conto corrente e deposito titoli intestati all’ente stesso, strumentali allo svolgimento del servizio di tesoreria, è esente dall’imposta di bollo, ai sensi dell’art. 27 della Tabella allegata al D.P.R. n. 642/1972. Quando la banca agisce in veste di tesoriere e, quindi, di agente contabile dell’ente locale, la documentazione inviata a quest’ultimo, in virtù della convenzione di tesoreria, è funzionale alla redazione del conto della gestione cui il tesoriere è obbligato per legge ed il servizio di rendicontazione, quindi, può essere ricondotto in quanto previsto dal detto art. 27, che esenta dall’imposta di bollo “I conti di gestione delle gestioni degli agenti dello Stato, delle regioni, province, comuni e relative aziende autonome; conti concernenti affari trattati nell’interesse delle dette amministrazioni; conti degli esattori e agenti della riscossione di tributi in genere”.
 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.