Operazioni intra Ue: in partenza 60mila lettere di esclusione dal Vies

Sono circa 60mila le comunicazioni per l’esclusione dalla banca dati Vies in corso di spedizione. Il Vies (Vat information exchange system) è un sistema elettronico di scambio di dati sull’Iva, per verificare una serie di informazioni fiscali relative agli operatori comunitari, ad esempio, la validità di una partita Iva, rilasciata in un determinato Paese Ue, nel momento in cui viene utilizzata per scambi commerciali con un altro Paese membro.

L’indagine dell'Agenzia delle Entrate ha portato a escludere dal Sistema VIES i circa 60.000 contribuenti che non hanno presentato elenchi riepilogativi a partire dal primo trimestre 2015 e che, quindi presumibilmente non intendano più effettuare operazioni intracomunitarie. Per questi, l’effettiva cancellazione dalla banca dati avverrà dopo sessanta giorni dal ricevimento della comunicazione di estromissione, entro i quali gli interessati a mantenere l’iscrizione potranno:

  • rivolgersi all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate
  • fornire la documentazione attestante le operazioni intracomunitarie effettuate o adeguati elementi circa gli scambi ancora in corso (o da realizzare).

Attenzione: l’eventuale esclusione non condanna “a vita”: il contribuente, infatti, può chiedere un nuovo inserimento nella banca dati, direttamente in via telematica, se abilitato a Fisconline o Entratel, oppure tramite soggetti abilitati e incaricati.