Redditometro ancora in stallo per la privacy

E’ ancora in corso il confronto sul nuovo redditometro con il Garante della privacy, che si dovrà concludere prima di dare il via in modo massiccio alla campagna. La situazione è, quindi, ancora in stallo e ha già costretto a rivedere la partenza delle verifiche proiettando quelle relative al periodo d’imposta 2009 (da fare necessariamente con il nuovo strumento) ormai quasi certamente al 2014. Dopo l’incontro tra Garante e Agenzia avvenuto lo scorso 4 ottobre, la questione si incentra sostanzialmente sul profilo dei contribuenti da sottoporre a verifica e sull’utilizzo delle medie Istat.
 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.