Redditometro con “franchigia” di 1.000 euro mensili

I contribuenti per i quali vi è uno scostamento tra spese e reddito dichiarato “pari a mille euro al mese, 12mila euro l’anno” non hanno nulla da temere dal nuovo redditometro. Ad affermarlo è stato il vicedirettore dell’Agenzia delle Entrate Di Capua nel corso del convegno tenutosi ieri a Roma al Comando Generale della Guardia di Finanza. Il redditometro, infatti, spiega il vicedirettore, ha l’obiettivo di “intercettare forme di evasione spudorata” e “i finti poveri”. L’Agenzia indica, quindi, nei 1000 euro mensili il limite marginale entro il quale la posizione del contribuente perde interesse per il Fisco.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.