Riduzione canone di locazione, l’atto è esente da registro e bollo

In sede di conversione in legge del Decreto sblocca Italia (D.L. n. 133/2014, convertito nella Legge n. 164/2014), è stato confermato che la registrazione dell’atto inerente la riduzione di un canone di locazione in essere è esente da imposta di registro e di bollo. E’ stata aggiunta la possibilità di definire l’accordo di riduzione del canone del contratto di locazione ex art. 2, commi 1, 3 e 5, Legge n. 431/98 tramite l’assistenza delle organizzazioni della proprietà edilizia e dei conduttori. Il conduttore può inviare al locatore specifica richiesta motivata di riduzione del canone. In caso di conclusione “positiva” della trattativa il Comune può riconoscere l’applicazione di un’aliquota IMU ridotta nei confronti del locatore.
 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.