Società di comodo: prima scadenza per l’interpello disapplicativo

Le società in perdita o con ricavi insufficienti per i parametri di legge dopo cinque anni (non più tre, a seguito del Dlgs 175/2014) di perdite sistematiche rientrano nel regime delle società di comodo a meno che non presentino motivata istanza di disapplicazione delle disposizioni di legge (art. 30 legge 724/1994) . Essendo necessaria una dettagliata esposizione dei motivi delle perdite e visti i sempre più numerosi casi di inammissibilità delle richieste  è preferibile forse anticipare al 31 marzo prossimo l’invio dell’interpello disapplicativo in modo da avere il tempo, in caso di risposta negativa dell’Agenzia, di ripresentare l’istanza entro il termine ultimo della presentazione della dichiarazione dei redditi ( 2 luglio 2015). Difficile in particolar modo giustificare la scarsa redditività per le società del settore immobiliare  ed edile .
 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.