Svizzera, addio al segreto bancario

Italia e Svizzera hanno firmato il Protocollo d’intesa sullo scambio dei dati fiscali, che avverrà inizialmente su richiesta del Fisco italiano e poi in maniera automatica dal 2017. L’accordo mette fine al segreto bancario e permette alla Svizzera di uscire dalla black list. L’intesa dà la spinta decisiva al piano di rientro dei capitali dall’estero (voluntary disclosure). Tre sono i punti chiave dell’accordo: l’Agenzia delle Entrate potrà richiedere da subito alle autorità svizzere la posizione dei contribuenti italiani sospettati di evasione e la Svizzera non può più opporre il segreto; il contribuente italiano che aderirà al rientro spontaneo dei capitali (voluntary disclosure – Legge 186/2014) non si vedrà contestate dal Fisco le annualità 2005/2009, ma solo quelle a partire dal 2010; sono stati stralciati dal testo dell’accordo e rinviati ad un futuro accordo tra Italia e Svizzera le regole sull’accesso delle banche svizzere al mercato italiano e sulle tasse dei lavoratori frontalieri.
 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.