TASI: esenti i terreni agricoli, ma non i fabbricati rurali

La TASI, il cui acconto dovrà essere versato entro il 16 ottobre, è dovuta anche sui fabbricati rurali, mentre non è mai dovuta sui terreni agricoli per espressa previsione normativa. Sono escluse, inoltre, le aree edificabili possedute e condotte da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, in quanto la disciplina della TASI richiama la nozione di area edificabile valida ai fini IMU. Per i fabbricati rurali strumentali, l’aliquota massima che il Comune poteva stabilire è l’1 per mille. Ai fabbricati rurali abitativi, invece, si applica la stessa disciplina prevista per le altre case di abitazione.
 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.