White list per le imprese appaltatrici, pronto il Dpcm

E’ stato approvato il Dpcm che istituisce e aggiorna la "white list" per le imprese appaltatrici, ovvero l’elenco "dei fornitori, prestatori di servizi ed esecutori non soggetti a tentativo di infiltrazione mafiosa". L’iscrizione alle liste è volontaria e dura 12 mesi. Nella domanda, le imprese devono indicare solo il settore di attività ed il proprio indirizzo di posta elettronica. La prefettura avrà 90 giorni di tempo per dare l’ok, a seguito di opportuni controlli eseguiti sulla base della Banca dati nazionale unica della documentazione antimafia, ora ancora in fase di definizione. Nel frattempo, i controlli potranno essere effettuati mediante i collegamenti informatici previsti dal Codice antimafia (art. 99, comma 2-bis). Le prefetture renderanno pubbliche le white list così formate nel proprio sito all’interno della sezione "Amministrazione trasparente". Le imprese appaltanti non dovranno chiedere la certificazione antimafia alle imprese iscritte in questi elenchi certificati dalle prefetture.
 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.